Un'esperienza più che ventennale non poteva che dare i propri frutti, così il 2016 del Team Miche Mg.K Vis Legend LGL è stato l'ennesimo, soddisfacente anno sportivo vissuto dalla formazione romagnola, che, ancora una volta, si è confermata ai vertici del ciclismo amatoriale.

 

Le maglie arancio della team si sono sempre distinte nella testa del gruppo, con i suoi portacolori generosi lungo tutto l'arco della stagione. Tommaso Elettrico si mette in evidenza fin dalle prime gare, conquistando il podio assoluto nelle granfondo già nel mese di marzo, piazzandosi secondo nella GF Inkospor Val di Cecina e terzo nella GF Internazionale Laigueglia Alè.

Aprile vede ancora il materano salire sul podio della GF Firenze De Rosa, al terzo gradino, mentre maggio lo incorona vincitore, in quel di Bergamo, nella GF Internazionale Felice Gimondi. Elettrico è terzo anche nella prestigiosa Nove Colli, ma la fortuna non è dalla sua nel mese di giugno, quando una caduta e qualche problema fisico non gli consentono di esprimersi ai suoi livelli. Nella GF Cooperatori – Terre di Lambrusco – Cantine Albinea Canali è però Mirko Antonioli a tenere alto il nome della squadra, agguantando il terzo posto sotto il diluvio che caratterizza la gara.

I mesi di luglio e agosto consentono ad Elettrico di rigenerarsi: l'alfiere del Team Miche Mg.K Vis Legend LGL si fa così trovare pronto per il finale di stagione, desideroso di riscatto. A settembre il lucano è subito competitivo, alla GF Pantanissima lotta per la vittoria e chiude al secondo posto, ma alla GF Leopardiana trionfa in solitaria, ripetendosi per altre tre volte consecutive, alla GF Nibali, alla Fondo Città di Cerignola e alla GF Circuito delle Colline, mettendo a segno uno strepitoso filotto.

La stagione si conclude ad ottobre, con Elettrico che sale nuovamente sul podio, cogliendo la terza piazza nel Memorial Nicola Di Franco, per poi prodursi nell'ultimo acuto al Trofeo Madonna della Fontana, imponendosi magistralmente in una volata ristretta.

Sei vittorie e altrettanti piazzamenti sul podio sottolineano la competitività della squadra forlivese, che ora guarda già al 2017 per dare seguito alla grande tradizione sportiva che, nel corso degli anni, ne ha fatto un punto di riferimento nell'ambiente.

0
0
0
s2smodern